Ebook e lettori che leggono

Buongiorno a tutti voi, miei 25 lettori!

Non credo vi siate chiesti che fine ho fatto, in realtà sono stata e sono molto presa nella vita reale al punto che non ho nemmeno il tempo di spolverare le macchine che ho comperato di recente… ma dato che in questo preciso momento non riesco a fare quel che dovrei causa strilla della mia minuscolissima principessina, uso il tempo per scrivervi quello che ho in testa.

Come forse avete intuito dal mio post precedente (eekk, di febbraio) io sono pro ebook, possiedo un ebook reader molto basico che consiglio caldamente a chi voglia leggere senza cavarsi gli occhi piuttosto che tentare di usare uno schermo retroilluminato di un tablet, fastidiosissimo alla lunga.

Detto questo volevo parlarvi di una mia recente scoperta. Una delle funzioni degli ebook reader era quella di “leggere” il testo con una voce sintetica. Un po’ quello che fanno ora molti navigatori satellitari che vi annunciano le vie in cui dovete svoltare… e spesso è molto comodo per non dover staccare gli occhi dalla strada ad un incorcio. Ora, questa funzione, nota come TTS (Text To Speech) sono purtroppo difficili da trovare su un ebook reader puro, soprattutto se vogliamo leggere libri in italiano, dato che normalmente se esiste esiste solo per l’inglese. Eppure esistono molte categorie di persone che possono giovarsi degli ebook proprio perchè fanno fatica a leggere da soli un libro, per esempio gli ipovedenti o i dislessici. Purtroppo si parla tanto di accessibilità ma raramente si fa più di una promozione che ha ha tanto l’aria di uno specchietto per le allodole. Comunque, recentemente ho predisposto un tablet Android da gioco/studio per il mio figlio maggiore ed ho pensato che avrebbe apprezzato una voce che gli leggesse i libri in inglese, così informandomi ho fatto una bella scoperta.

La prima scoperta sono i programmi di lettura su piattaforma Android, ce ne sono vari ma quello che mi ha convinto maggiormente (fosse anche solo per le pochissime autorizzazioni richieste) è FBReader: lo trovate per tutte le piattaforme, ma in particolare la versione Android ha un plugin specifico per la lettura in TTS che funziona molto bene, rispettando anche la punteggiatura.  Per esempio, se il libro ha codificata la lingua, ve la propone in automatico, ammesso che abbiate le lingue di lettura installate. Ora, Android ha il suo motore base per leggere i testi, quello che vi legge i messaggi o i numeri ad alta voce mentre state guidando, ma se volete una esperienza di lettura molto più confortevole esistono dei motori esterni tra cui spicca Ivona, e le sue voci naturali, per esempio Giorgio per l’italiano. Purtoppo il lato negativo è che una voce naturale è complicata, per cui servono circa 150 MB per ogni voce che aggiungete e spesso lo spazio a disposizione è poco. Una volta scaricato il motore e le lingue che vi servono per i libri che avete voglia di ascoltare dovete ricordarvi di attivare Ivona come motore di sintesi nelle impostazioni vocali del telefono o del tablet al posto di Pico ed il gioco è fatto. A questo punto riuscirete ad ascoltare un libro anche dal cellulare in autobus! Dimenticavo: FBReader si collega automaticamente alle librerie OPDS online, e potete aggiungerne di nuove personalizzate da cui cercare i classici da scaricare… oltre a leggere i libri in vari formati non protetti  (ovvero non va bene per leggere i libri Amazon che pagate ed hanno in DRM ma solo quelli gratuiti) che inserite direttamente nel vostro dispositivo.

Buon ascolto!

pixelstats trackingpixel

Autore: Lila

Salve a tutti, mi chiamo Lila, mi occupo di conservazione architettonica e CAD, le mie passioni sono la musica corale barocca, l'arte, la storia e le vecchie carte, il cucito e le macchine da cucire degli anni 50 e 60, la maglieria e le macchine da maglieria, la buona cucina, gli animali e soprattutto i miei cucciolotti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *